San benedetto, scritta Arciconfraternita, Santa Scolastica

Anna Maria Verucci (27 settembre 1942 – 14 settembre 2019)


Foto della consorella Anna Maria Verucci
Anna Maria Verucci
(Norcia 27 settembre 1942 – Roma 14 settembre 2019)

Figlia di Augusto ed Elena Marinucci vive tutta la fanciullezza a Norcia e a 16 anni, dopo l’avviamento professionale, viene a Roma per gli esami di dattilografia e stenografia all’istituto Meschini. Poi trova lavoro presso la Democrazia Cristiana a Piazza del Gesù al tempo dell’ascesa dell’onorevole Moro ai vertici del partito e della vita politica nazionale. Anna Maria si sposta con tutto il restante personale alla sede dell’Eur essendo diventata troppo angusta la sede storica di Piazza del Gesù.

Poi L’onorevole Moro diviene Presidente del Consiglio ed Anna Maria viene destinata alla sua segreteria capeggiata da Vincenzo Squicciarini con un nuovo spostamento a piazza Colonna. Anna Maria e Vincenzo si conoscono, s’innamorano e il 28 settembre 1966 si sposano in S. Pancrazio a Roma. Sposandosi decide di lasciare il lavoro ed Anna Maria si trasferisce a Bari, città d’origine di Vincenzo, che fa il pendolare con Roma. Dall’unione nascono Giovanni, Roberta e Nicola che nascono e vengono battezzati a Bari e subito dopo tornano a Roma dove crescono e studiano. Vincenzo viene eletto deputato e con Anna Maria si stabiliscono definitivamente a Roma dove vanno a vivere in via delle Fornaci.

Qui avviene la conoscenza e l’amicizia con Maria ed Edmondo Foglietti. Il destino ha voluto che in poco più di due mesi Anna Maria ed Edmondo ci abbiano lasciati e sono accomunati nel ricordo nella S. Messa di suffragio del 13 ottobre nella sede dell’Arciconfraternita dei SS. Benedetto e Scolastica di cui entrambi facevano parte.

 

A Mamma

Siamo stati fortunati ad avere una mamma e una mamma forte e buona come te! Ti sei privata di tutto per noi. Il tuo primo pensiero non era mai per te ma per la famiglia e per chi aveva bisogno. Ci mancherà la tua ironia, i tuoi semplici modi di fare che sono stati un esempio per noi e per tante persone che ti hanno voluto bene. Sarà difficile non averti più accanto, ma siamo sicuri che da lassù ci proteggerai con il tuo grande amore.

Arrivederci mamma, dopo tanta sofferenza, riposa in pace.

Con tutto l’amore

I tuoi figli

Torna alla homepage